Recensione del Troy Bilt Storm 2410

L’ammortizzatore all’estremità dello scivolo è regolato con la pressione di una semplice vite a testa zigrinata. Piccole variazioni producono grandi cambiamenti nell’angolo di scarica, quindi la regolazione è complicata.

Mentre meno conveniente, dirò a credito della macchina, non c’è molto da sbagliare con i controlli. Non ho paura del ghiaccio o dei detriti che bloccano un complicato e delicato meccanismo a joystick, una complicazione di una macchina a un prezzo economico.

Ma, resta il fatto che le macchine di fascia più alta hanno controlli comodi che sono anche affidabili, indubbiamente molto più facili per l’operatore, specialmente in ambienti stretti e urbani che richiedono agilità. Lo Troy Bilt Storm 2410 è inoltre carente di un faro o di maniglie riscaldate, restringendo ulteriormente la sua efficacia applicativa.

Prestazioni?

Quanto spazza effettivamente la neve? La macchina Troy Bilt Storm 2410 è pubblicizzata per pulire fino a 30 cm di neve. 30 cm di polvere? Sicuro. Ma è uno spazzaneve e decisamente non un granita o un lanciatore di ghiaccio. La diga di fanghiglia spinta davanti al mio vialetto dallo spazzaneve della città non viene spostata via dal Troy Bilt Storm 2410, ma scaricata a pochi centimetri dal lato dell’alloggiamento della coclea. La macchina si impantana raramente in condizioni di neve normale, ma non aspettarti che passi attraverso cumuli compatti di neve o neve sciolta senza fare un po’ di avanti e indietro. Le molteplici velocità di avanzamento sono così vicine l’una all’altra che non fanno molto per aiutare con carichi di neve mista. Sembra che il Troy Bilt Storm 2410 possa a volte restare a piena velocità, ma poi se il carico di neve che ha attraversato supera la massa critica, la macchina deve essere guidata attraverso la neve, centimetro per centimetro.

Mentre alcune macchine più grandi hanno il potere di attraversare praticamente qualsiasi cosa e lanciarla a 15 metri, il Troy Bilt 2410 merita un po’ di credito per essere progettato per il servizio: quando si impantana la trivella di acciaio, l’aratro e la girante, almeno, sopravvivono e anche se il 2410 deve andare avanti un centimetro dopo l’altro e scaricare la neve solo dall’altra parte della coclea, lo fa e senza danni. Una macchina con budget limitato potrebbe essere fuori servizio se sfidata in modo simile.

Nella stessa categoria: