Schisandra – il seme orientale per affrontare lo stress di ogni giorno con rinnovata vitalità

La Schisandra Chinensis è un piccolo arbusto originario della Cina, un vitigno legnoso che produce delle bacche rosse e succulenti simili all’uva, ma dal sapore caratteristico. Schisandra significa infatti “seme dai cinque sapori”, proprio perché il frutto di questa pianta medicinale utilizzata dalla fitoterapia tradizionale orientale, possiede un tipico gusto che cambia passando da dolce, ad aspro, amaro, piccante fino a diventare alla fine salato.

E proprio come è stimolato l’intero palato, anche tutto l’organismo è piacevolmente stimolato da questa pianta, in grado di migliorare il nostro benessere e la nostra salute grazie alle sue straordinarie capacità di adattogeno. La schisandra ci permette infatti di riequilibrare il nostro corpo a seconda degli stress grazie all’azione dei fitosteroli, stimolando al contempo il nostro sistema immunitario a difendersi dagli agenti patogeni, ed aiutandolo a restare “sotto controllo” in caso di reazioni allergiche e malattie autoimmuni.

schisandra2

L’olio essenziale di schisandra è utilizzato come tonico astringente e per favorire l’espettorazione in caso di tosse e raffreddore per via dell’alto contenuto in tannini. Inoltre contiene diverse sostanze fra cui monosaccaridi, fosfolipidi, resine, fibre vegetali come la pectina, numerose vitamine fra qui la vitamina A, C ed E ottime come supplemento nutritivo, ricostituente, tonificante ed energizzante. L’infuso di schisandra chinensis favorisce la naturale ossigenazione dei tessuti, permettendo alle cellule di “respirare” e riguadagnare la loro vitalità persa per via degli stress endogeni ed esogeni, e mantiene intatto tutto il gusto peculiare e sfaccettato del frutto stesso. Una breve terapia a base di estratti di schisandra è ottima per i suoi effetti adattogeni ed antistress, ad esempio quando ci si deve preparare ad un lungo viaggio, ad un cambio di abitazione, prima di un esame importante o durante il periodo di assestamento di un nuovo lavoro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *